La festa di Sant Jordi, le fontane di Barcellona, e tante altre curiositá su Barcellona. Lolita B and B nel centro della cittá.

Lolita B and B e le leggende di Barcellona.

Spread the love

Miti & Leggende di Barcellona!

 

Barcellona custodisce molti miti e leggende che contribuiscono a rendere la città ancora più suggestiva e affascinante. Varie leggende riguardano soprattutto il Barrio Gótico, andiamo a scoprirne qualcuna:

 

Le 13 oche del Patio della Cattedrale

Se entrate a visitare il chiostro della Cattedrale di Barcelona troverete un piccolo laghetto con13 oche, raffigurate anche in alcuni bassorilievi. Perché proprio 13? Il numero non é un caso, rappresentano i 13 anni di Santa Eulalia, etá della sua morte,e anche il numero delle torture a cui fu sottoposta la martire dai romani. Santa Eulalia é la Patrona di Barcelona, e la Cattedrale porta infatti il suo nome. Le oche fanno da guardia alla sua tomba.

 

Casa de l’Ardiaca: la cassetta della posta con rondini e tartaruga

Sempre nel Barrio Gotico, sulla facciata della Casa de l’Ardiaca (in italiano la casa dell’arcidiacono),  noterete una singolare cassetta della posta, un particolare modernista rispetto allo stile gotico dell’edificio. Questa cassetta, realizzata a fine 800, fu dedicata dal suo creatore alla giustizia e raffigura una tartaruga, delle foglie d’edera , una bilancia e cinque rondini.

Sembra che la tartaruga rappresenti la lentezza della giustizia.  Le foglie d’edera rappresenterebbero le difficoltà incontrate dalla giustizia lungo il suo cammino. Lo stemma raffigurante la bilancia é simbolo di equità. Infine abbiamo Le rondini, tre volano verso destra, il senso giusto, mentre le altre, il senso contrario della giustizia.

Sant Jordi e il drago

Questa è certamente la leggenda più celebre in Catalogna. La leggenda narra che  Cappadocia, una cittá spagnola, fosse stata attaccata da un drago, così gli abitanti, spaventati, riuscirono per un pò a tenere a bada il drago dandogli in pasto due agnelli al giorno, ma quando gli animali iniziarano a scarseggiare, gli abitanti dovettero dare in pasto al drago una persona, estratta a sorte. La malcapitata fu proprio la principessa del regno. Ma Sant Jordi, un coraggioso cavaliere conosciuto per la sua fama di “assassino di draghi” riuscí a salvare la principessa dalle grinfie e uccise il drago con la sua spada. Dal sangue che sgorgava, uscì una bella rosa rossa. Proprio per questo in Catalogna (ma anche nelle Baleari e nella Comunità Valenciana), durante la celebrazione di Sant Jordi il 23 aprile, le strade sono addobbate con rose rosse e gli uomini regalano una rosa alle proprie compagne. In cambio le donne regalano un libro.

 

Fuente de Canaletes

Passeggiando sulla Rambla, verso Plaça de Catalunya, troviamo la fontana di Canaletes. Secondo la leggenda chi beve un sorso d’acqua dalla fontana si innamorerà della città e non potrà fare a meno di tornarci. La placca di bronzo sopra la fontana recita testualmente:

“Si beveu aigua de la Font de Canaletes sempre mes sereu uns enamorats de Barcelona. I per llunt que us n’aneu, tornareu sempre”.

Il nome Canaletes invece deriva dal riferimento a una sorgente che la cui acqua scorreva in una “canalina” nel secolo XIV.

Sulla fontana troviamo anche il simbolo del Barça. Intorno a questa fontana si riunivano i tifosi della squadra per conoscere i risultati delle partite. Proprio lì di fronte, infatti, vi era la redazione del giornale “La Rambla”, il quale mostrava i risultati su una lavagna.

 

The Spitting Gargoyles

Ci sono diversi gargoyles che sporgono dalle mura della cattedrale, tra cui leoni, unicorni, elefanti – e alcuni che sono presumibilmente streghe pietrificate come figure mostruose per l’eternità a causa del loro comportamento malvagio.

Sputavano sulle processioni del Corpus Christi mentre passavano. Come punizione appropriata, queste figure stregate ora servono come tubi per la cattedrale. In realtà ancora oggi “sputano”, in un certo senso. Nei giorni di pioggia, servono come trombe d’acqua e fanno la doccia a ignari pedoni con torrenti d’acqua – quindi attento!

Speriamo che questo articolo, sia stato di vostro gradimento ed interesse e vi invitiamo a commentare o inviarci suggerimenti.

Vi aspettiamo a Lolita B and B.

Back to Top